E-Learning / Blog

Articoli e approfondimenti su Formazione, Crescita personale e professionale, Coaching...
 LISTA DEGLI ARTICOLI

elearning - 6 errori da evitare durante la creazione di scenari di formazione
6 errori da evitare durante la creazione di scenari di formazione




Pubblicato il: 23/11/2023

Misura ciò che conta!

Misurare la conoscenza applicata in una situazione è sempre un modo più efficace per testare l’apprendimento rispetto a valutare se i dipendenti ricordano un fatto di un paio di diapositive prima in un eLearning. Questo è il motivo per cui la valutazione delle competenze decisionali utilizzando elementi di conoscenza nel contesto dovrebbe essere utilizzata più spesso nella progettazione dell’apprendimento. Tuttavia, non si tratta solo di cosa fare. Possiamo commettere errori cruciali mentre creiamo scenari che possono minare l’efficacia dei nostri sforzi. Questo articolo è un invito a riflettere, sfidare e perfezionare il nostro approccio alla progettazione degli scenari durante la creazione di scenari di formazione. Sebbene i tipi di potenziali problemi siano infiniti, un articolo deve avere un limite.

6 problemi comuni da evitare durante la progettazione di scenari di formazione


1. Rendere gli scenari troppo facili
Esempio
Uno scenario di formazione sul servizio clienti in cui ogni cliente è educato e ha una richiesta semplice.

- Problema
Non sfida i partecipanti a riflettere sulle complessità del mondo reale. Sebbene tu possa utilizzare questo "scenario del cielo blu" all'inizio del processo per i principianti assoluti, in seguito dovrai abbinare il livello di abilità desiderato con il livello di sfida. Quando gli scenari sono troppo facili, i partecipanti si annoiano. Le menti annoiate non imparano. Quando uno scenario è troppo difficile (senza strumenti per suggerimenti o guida), i partecipanti possono sentirsi frustrati.

- Invece
Rendilo pertinente al loro lavoro e al livello di competenza previsto. Trova la sfida "proprio sopra le loro teste" e otterrai coinvolgimento. La sfida è sapere qual è il loro livello di abilità!

2. Sovraccarico di informazioni (irrilevanti).
Esempio
Uno scenario di formazione medica pieno di pagine di background sulla storia di un paziente.

- Problema
Sovraccarico cognitivo. I partecipanti non riescono a discernere ciò che è essenziale. Mentre gli esperti e i progettisti dell'apprendimento "sanno" cosa è importante, per i partecipanti ogni informazione è nuova e potenzialmente importante per lo scenario. In realtà è un'abilità separata identificare le parti rilevanti e importanti di uno scenario in base alla domanda!

- Invece
Sii conciso. Fornire solo le informazioni necessarie per la decisione in questione. Ciò non significa precisare la risposta! Progetta sempre un elemento di valutazione per ciò che intende valutare! Se non stai valutando i partecipanti sulle capacità di lettura (cioè, a meno che non faccia parte della valutazione autentica), non rendere più difficile capire lo scenario che prendere effettivamente la decisione.

3. Risposte principali
Esempio
Offrendo scelte giuste o sbagliate molto ovvie. Ciò spesso include dichiarazioni di marketing perfettamente scritte o lunghe definizioni legali.

- Problema
Non incoraggia il pensiero critico, e nemmeno il pensiero. È anche quella che io chiamo "illusione dell'apprendimento", che è rassicurante per tutti (la PMI, il team di progettazione dell'apprendimento e il partecipante) perché "tutti conoscono" la risposta. Può portare a buoni punteggi senza alcun impatto sul lavoro.

- Invece
Scelte artigianali che sono sfumate e richiedono riflessione. Assicurati di progettare l'item di valutazione per il giusto livello: stai valutando il riconoscimento di un termine, il richiamo di un termine, la recitazione di un termine o l'applicazione del termine?

4. Ignorare le realtà emotive
Esempio
Uno scenario in cui si forniscono cattive notizie senza affrontarne il peso emotivo.

- Problema
Sembra non autentico. Leggere uno scenario (anche con un nome) su un dipendente che non otterrà la promozione promessa può semplicemente ridursi a scegliere la risposta "giusta". Ciò è molto diverso dal dire a qualcuno che è stato entusiasta della promozione che, ancora una volta, non è andata a buon fine. Anche se a quella persona fosse stato assicurato che lo avrebbe fatto, avesse già guardato una nuova macchina per il bambino in arrivo, ecc.

- Invece
Riconoscere e incorporare le dimensioni emotive delle situazioni di vita reale. Mostra, non dire! Come nella sceneggiatura di un film, le emozioni si mostrano attraverso le azioni, non spiegandole o dicendole ad alta voce. Lo stesso ambito affettivo meriterebbe un articolo tutto nuovo perché spesso manca.

5. Utilizzo degli stereotipi
Esempio
Uno scenario sulle dinamiche d'ufficio, dove il manager è sempre uomo e l'assistente donna.

- Problema
Non solo perpetua i pregiudizi, ma concettualizza anche uno scenario che crea una distanza per il partecipante. È quasi come chiedere quali sono le regole generali del mondo. Spesso sappiamo qual è la cosa giusta da fare. Tuttavia, non sempre facciamo la cosa giusta.

- Invece
Sfidare gli stereotipi. Crea scenari diversi e inclusivi specifici per la situazione, piuttosto che basati su personaggi generici. Le sceneggiature dei film sono generalmente guidate dalla trama o dai personaggi. Gli scenari guidati dalla trama sono definiti da decisioni e azioni, mentre gli scenari guidati dai personaggi si basano sulle peculiarità di un personaggio unico.

Per gli scenari di formazione, utilizziamo principalmente l'approccio basato sulla trama, in cui le azioni si svolgono per preparare il terreno per una decisione. Assicurati solo che, per il personaggio che descrivi negli scenari, le azioni che deve intraprendere abbiano senso! Non mettere parole in bocca a un personaggio e azioni sul suo cammino se non sono coerenti con il personaggio.

Nota
Sperimentare scenari basati sui personaggi richiede un po' di pratica, ma può essere efficace quando si affrontano gli scenari come una serie o una campagna. Avrai bisogno di più scenari per stabilire il personaggio, ma una volta conosciuto potrai utilizzarlo in altri canali come marketing o comunicazioni.

6. Trascurare il feedback
Esempio
"Hai ragione!"

- Problema
Ci sono due tipi di errori qui che vedo spesso. Il primo è il classico: giusto o sbagliato. Una volta una PMI mi ha detto che non voleva inserire nulla di importante nel feedback perché la gente lo ignora. Beh, forse... o forse lo ignorano perché gli abbiamo insegnato che non c'è niente di importante lì dentro?

Il feedback è uno degli aspetti più sottovalutati della progettazione dell’apprendimento. In effetti, questa è sempre la mia prima domanda per le aziende EdTech che vogliono mostrare il loro prodotto!

Come supportare un feedback personalizzato, tempestivo e attuabile? Mostrami come il sistema utilizza le informazioni acquisite dal feedback e dalla riflessione dello studente su di esso.

Questo spesso li sconcerta, il che significa che è un'altra piattaforma per fornire contenuti. Abbiamo già troppi contenuti.

Il secondo problema con il feedback è fare affidamento sullo strumento di creazione. Quando si dispone di una domanda di valutazione a scelta multipla e selezione multipla, è necessario decidere come fornire il feedback. Dai un feedback corretto o errato? Parzialmente corretto? Generico o basato su ciò che hanno selezionato? L’approccio pigro della tecnologia consiste nel fornire un’unica affermazione per tutte le risposte errate.

Ciò significa che un progettista dell'apprendimento comporrà una frase che spiega genericamente perché la selezione effettuata dall'utente è sbagliata. Tuttavia, è così generico che non ha senso per l'utente. Ad esempio, supponiamo che lo scenario riguardi una specifica attività di progettazione dell'apprendimento e la domanda riguardi il coinvolgimento. L'utente seleziona due delle quattro opzioni (ne manca una corretta).

Feedback: "Questo non è corretto! Ricorda che il coinvolgimento non riguarda solo le interazioni dell'interfaccia utente, ma ha tre domini. Riprova!"

Ciò non dirà all'utente come riflettere sulle proprie scelte in base alla selezione. Qualunque cosa l'utente selezioni, ripeterà lo stesso messaggio, come un pappagallo. Nel corso del tempo, interazioni come questa insegnano agli utenti a ignorare semplicemente il feedback.

- Invece
Fornire feedback costruttivi, pertinenti, personalizzati e utilizzabili. Spiegare perché una scelta è stata giusta o sbagliata. Mostra le conseguenze delle azioni del partecipante. Il feedback non spetta a voi, designer, tenere lezioni! Spetta al partecipante riflettere.

Conclusione
In conclusione, scrivi scenari significativi, autentici e rilevanti che sfidano i partecipanti, li fanno riflettere sulle loro scelte, comprendono le conseguenze di tali scelte e li guidano verso il cambiamento del comportamento.
Trova un Professionista per qualsiasi tipo di attività Come raggiungere obiettivi quasi impossibili - Alex Bellini
Canale WhatsApp della formazione e crescita professionale

E-learning Blog
Aprile 2024
 La mappa dei sentieri emozionali: una bussola per la self-awareness
 Oltre 25 domande da utilizzare per realizzare un sondaggio sul coinvolgimento dei dipendenti nel 2024
 Il Coaching per la crescita personale e professionale
 Come progettare la formazione sui prodotti per un pubblico globale
Marzo 2024
Febbraio 2024
Gennaio 2024
Dicembre 2023
Novembre 2023
Ottobre 2023
Settembre 2023
Agosto 2023
Luglio 2023
Giugno 2023
Maggio 2023
Aprile 2023
Marzo 2023